Eutirox (levotiroxina), da maggio 2021 in commercio nuova formulazione

«Uno stretto monitoraggio dei pazienti che passano alla nuova formulazione di Eutirox poiché il passaggio può determinare squilibri tiroidei a causa del ristretto intervallo terapeutico della levotiroxina. Ciò include una valutazione clinica e di laboratorio per assicurare che la dose individuale del paziente rimanga appropriata». È in sintesi la raccomandazione principale che l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha pubblicato il 3 febbraio 2021, in accordo con la ditta produttrice Merck Serono S.p.A.. Secondo quanto evidenziato dall’agenzia governativa, inoltre, «un’attenzione particolare dovrebbe essere rivolta ai gruppi vulnerabili (ad esempio pazienti con carcinoma tiroideo, malattie cardiovascolari, donne in gravidanza, bambini e anziani)». L’Aifa spiega che «la nuova formulazione rende il principio attivo più stabile e non contiene il lattosio come eccipiente» e «le modalità con cui Eutirox viene assunto rimangono invariate».

In merito ai diversi accorgimenti che i farmacisti sono invitati a considerare, quello di «consigliare ai pazienti di assumere le compresse della nuova formulazione di Eutirox esattamente allo stesso modo delle compresse della vecchia formulazione, salvo diverse indicazioni del medico», «consigliare ai pazienti di consultare un medico per confrontarsi sulla necessità di un attento monitoraggio quando si passa da una formulazione all’altra». In aggiunta a ciò «avvisare i pazienti di terminare le scorte della vecchia formulazione di Eutirox in loro possesso PRIMA di iniziare ad assumere la nuova formulazione, e di non tornare più ad assumere le compresse della vecchia formulazione di Eutirox una volta che hanno iniziato la terapia con le compresse della nuova formulazione di Eutirox».

Si rimanda all’atto integrale.

© Riproduzione riservata