Formazione, sistemi Cogeaps aggiornati e pronta l’App per la gestione Ecm

La piattaforma informatica di gestione dei crediti Ecm, facente capo al Consorzio gestione anagrafica delle professioni sanitarie (Cogeaps), è stata adeguata alle prescrizioni del D.l. 76/2020. D’ora in poi, quindi, come prevede il decreto, i farmacisti potranno accedere alle aree riservate attraverso l’uso di Spid e/o della carta d’identità elettronica (Cie). Resta ancora possibile, fino al 30 giugno 2021, utilizzare le credenziali attualmente in possesso (username e password). «Si fa seguito e riferimento alla circolare federale del 2 febbraio 2021 – spiega la Federazione ordini farmacisti italiani (Fofi) – per fornire alcuni chiarimenti e aggiornamenti a seguito della nota pervenuta alla Federazione da parte di Enrico De Pascale, presidente del Cogeaps. Il Consorzio ha completato l’adeguamento della piattaforma informatica di gestione dei crediti Ecm alle prescrizioni del D.l. 76/2020 per accedere all’area riservata. Inoltre lancerà in data 31 maggio l’App e il nuovo portale web istituzionale».

Funzioni e opzioni dei nuovi sistemi Cogeaps.

L’App e il nuovo portale Cogeaps avranno, secondo il Consorzio, l’obiettivo di essere strumenti di interazione più efficace nonché di semplificare la gestione delle procedure e di consentire agli Ordini di disporre dei parametri di valutazione dei propri professionisti in regola con l’obbligo formativo, in tempo reale. Diverse sono le funzionalità offerte dal sito, attraverso il quale i farmacisti possono verificare la propria situazione formativa aggiornata, inserire richieste individuali di esoneri ed esenzioni. È inoltre possibile chiedere il riconoscimento di crediti per le attività di formazione individuale attraverso la presentazione di apposite istanze redatte sulla base degli schemi approvati dalla Commissione nazionale formazione continua (Cnfc). Si possono poi inserire eventuali crediti mancanti, tenendo conto che i crediti formativi degli eventi Ecm vengono caricati dopo almeno sessanta giorni dalla data ultima di conclusione di ogni singolo corso. Infine si può utilizzare la funzionalità di spostamento dei crediti Ecm per il recupero di un eventuale debito formativo.

I crediti acquisiti per autoformazione con le attività proposte dalla Fofi.

La Fofi precisa poi che è possibile acquisire crediti formativi Ecm attraverso attività di autoformazione, alcune delle quali sono state specificatamente individuate dalla Federazione. In questo caso i crediti vengono attribuiti sulla base dell’impegno orario da dichiarare attraverso autocertificazione che, per le attività proposte dalla Federazione, deve essere presentata soltanto all’Ordine di appartenenza. Per ulteriori informazioni si può fare riferimento alla Guida pratica alla formazione continua del farmacista, pubblicata nell’apposita sezione dedicata al sistema Ecm del sito della Fofi.

© Riproduzione riservata